Interconnessi

Immagine dal web

Chi ricorda la scena di Avatar, in cui il popolo di Pandora, tenendosi per mano seduti come un unico corpo ai piedi del grande albero, creando un intreccio di braccia e radici, intesse una rete di energia che attraversa e nutre tutto e tutti? Potrei guardarla tante altre volte e sempre la commozione scorrerebbe sulle mie guance. Perché rende meravigliosamente il fatto inconfutabile, ma che molti di noi ancora non vedono, che siamo tutti interconnessi. Siamo cellule di un solo, immenso organismo. Non ci sono soglie, confini, schemi. O meglio, sono tutti illusori: noi siamo Uno, nel bene e nel male. Il virus che viaggia attraverso paesi e persone, non vede confini e non fa distinzioni, è come una livella. Ha una sua intelligenza, ha un suo senso nascosto? Qui di seguito un estratto dal libro “Gaia e la fine dei giorni”, dove per Gaia si intende l’intelligenza del pianeta Terra:

Ci sono esseri superiori, e sono milioni, che ci stanno vicino perché questo è un momento critico. Noi lo chiamiamo il “Rinnovamento” perché lo consideriamo il momento in cui Gaia riprende in mano la Terra per ricreare un nuovo equilibrio. Per questo lo chiamo ”La fine dei giorni” perché è la fine dei vecchi orribili giorni umani. Non è la fine del mondo, ma la fine del mondo come lo conosciamo. Provenite da un luogo meraviglioso e ora dovete ricordare quello che avete dimenticato, abbandonatevi, arrendetevi, accettate di evolvere. Se diventate di più, tutti diventiamo di più. Gli esseri umani sono tutti collegati tra loro, siamo tutti frazioni di una mente globale. Essenzialmente, la Fine dei giorni è quando Gaia, assistita dagli Esseri Sacri e dagli dèi reincarnati in esseri umani, metterà fine alla Matrix per creare un nuovo inizio. E’ il ritorno di Kali, la distruttrice. Il Morph rappresenta un nuovo mondo, una dimensione sovrannaturale che scende nel nostro mondo a 3-D, è l’esperienza trascendentale definitiva, è l’ingresso al Santo Graal per voi, per me e per tutti. Il Morph segnala la discesa della Dea, venuta a presiedere a una trasformazione che porterà il mondo dalla violenza alla grazia. E’ la riconciliazione di un anima nobile, attraverso la quale ridiventate integri per far parte di un ordine superiore eterno. Significa attraversare il Portale Scintillante che conduce alla liberazione e alla redenzione, non equivale a morire, significa vedere oltre la porta, in sostanza potete entrare nella vostra prossima incarnazione come un Essere Luminoso senza dover realmente morire in questa.

E fin qui, tutto molto bello, vero? Stimolante e propositivo, ma….sentite ora:

È in potere della moderna Matrix tecnologica dominare i pensieri e l’umanità, rendendoci ciechi e spingendoci nella direzione sbagliata. L’umanità si perse e la natura cominciò a morire. Perciò gli dèi si sono reincarnati in esseri umani in epoca attuale per mettere fine a tutto ciò. Il Morph assorbe ossigeno dall’aria ed è ovunque. Quando verrà il momento, 6,5 miliardi di esseri umani, salvo quelli caldi (col cuore aperto), verranno rimossi. Quando ebbi questa visione mi misi a tremare, che cosa triste per gli uomini, ma la nostra specie è così infestata da spiriti maligni, che non possiamo più sopravvivere in massa. E’ quello che gli Esseri Sacri chiamano il “Rinnovamento”, la cui conoscenza al riguardo è molto incompleta, ma sappiamo che include la discesa del Morph che soffocherà una parte della popolazione mondiale e nello stesso momento la Porta Scintillante apparirà in migliaia di luoghi in tutto il mondo per accogliere individui di tutte le nazionalità, razze e colore. I bambini attraversano la porta entrando in un’altra dimensione, sopravvivendo così alla discesa del Morph, assieme agli adulti caldi; gli animali non muoiono ma entrano in uno stato di trance, una specie di ibernazione. Quanti sopravviveranno è un mistero, ma saranno ovviamente un numero sufficiente perché l’umanità continui, in un mondo naturale, organico, tornato allo stato primitivo. E’ un sollievo che Gaia riprenda il suo pianeta, perché ho un grande amore per lei e i suoi figli. Per quanto mi riguarda, so che non sopravviverò al “Rinnovamento” e che non sarò utile nel Nuovo Mondo, è il mio destino.

Farneticazioni di un pazzoide? Non proprio! Si tratta di Stuart Wilde: mistico, visionario, tra i più noti esperti di evoluzione spirituale e tra i più famosi conferenzieri del mondo anglosassone, nonché autore di numerosi testi sulla coscienza e la consapevolezza, tradotti in quindici lingue. Mi capitò di leggere il suo libro pochi mesi fa e lo riposi nello scaffale dedicato ai libri “così così”: da tenere si, per qualche spunto, ma non da selezionare tra le letture “preziose per l’anima”, tipo vari testi di Krishnamurti, Saint Germain o anche “il” romanzo di Hesse, Siddharta. Indubbiamente però, nel rileggere alcuni passaggi, alla luce della pandemia che ci ha travolti, devo ammettere che sono rimasta a dir poco colpita: i bambini e gli animali sono praticamente al riparo, si muore per mancanza di ossigeno, non è la fine del mondo, ma la fine del mondo così come lo conosciamo. Sopravvivono le anime “calde”, ovvero chi ha amore e gentilezza nel cuore.

E qui parto con una personale farneticazione, tipo un soggetto per un film fantasy: il virus, che è un arma di difesa intelligente inviata da madre natura, colpisce unicamente i potenti corrotti (simbologia della corona), purifica il mondo dagli esseri che lo hanno deturpato per avidità ed egoismo, pone il futuro nelle mani dei bambini che in realtà sono esseri molto più evoluti di noi (i bambini indaco di cui Greta è un esponente), azzera tutti i parametri economici e le disuguaglianze. Dulcis in fundo: per riequilibrare tutte le sopraffazioni perpetrate dagli Occidentali nei riguardi soprattutto dell’Africa, il sistema immunitario dei neri non accoglie il contagio, per cui una grande migrazione dal Sud del mondo verso gli ex paesi avanzati, genera un ritrovato equilibrio mondiale. Ehi, ho premesso, parlo di una sceneggiatura, non sono da rinchiudere, per ora…. Però voglio tornare alla mia domanda iniziale: questo virus ha una sua intelligenza?

Purtroppo, nonostante il positivo fattore bambini e animali, non colpisce solo malvagi. Però, di fatto, sta rendendo più puro il nostro habitat, potrebbe essere un severo avvertimento di Gaia, una sorta di “schiaffone” che ci risvegli, visto che il punto di non ritorno rispetto alla sostenibilità ambientale è prossimo. Un tentativo in extremis di farci riflettere, mostrandoci che egoismo e avidità sono il veleno che ci sta uccidendo, fornendoci la prova evidente che siamo tutti in relazione, che se respingiamo alla frontiera altri esseri per il colore della pelle o per altre “diversità “, verremo a nostra volta respinti. Forse questa epidemia è l’ultima chance di evitare l’autodistruzione e di sollevare il velo dell’illusione. Non tutti ce la faranno, non tutti supereranno questa fase iniziale di disorientamento e paura, in cui si accentuano le divisioni tra paesi e persone per evitare il contagio.

Per uscirne vincitori bisognerà andare oltre tutto questo, buttare giù ogni barriera, unirsi tra popoli e paesi, creare una solidarietà globale che finalmente ci renda cittadini del mondo. Se poi dovessimo fallire, se poi dovessimo continuare a farci la guerra e a sentirci separati gli uni dagli altri, beh… pazienza…senza questi bipedi invasori la Terra continuerebbe ad orbitare, finché questo sole brillerà e più avanti, quando si spegnerà, ce ne saranno infiniti altri, perché, ci dobbiamo rassegnare, non siamo il centro dell’Universo!

Lascia un messaggio

La registrazione non è richiesta.