Tutti insieme appassionatamente

SENZA DIU E SENZA SCANTU

SERGIO PENNAVARIA

Poeta Cantautore

Senza Diu e senza scantu

Nascisti nto cauru ri na terra buttana

Ca ti inchiu l’occhi ri storia antica e u cori ri giustizia.

Fascisti na prumissa curaggiusa d’amuri a la to genti scantata, paristi na campana

Cu li toi tocchi ri gloria e na forza nta na fiura nica, e coppi ri scupa a da munnizza.

Unestu comu u pani cauru ri furnu e fatica

A trarimentu ti pigghiaru di maliritti e sulu picchì li to paroli eranu giusti e caminavanu ritti.

Figghiu ri na fimmina matri vera e ardimintusa e nfrati ca ora porta mpettu lu so e lu to cori.

T’ammazzaru e lassaru sulu, nuddu c’era tra li ferra e i petri e mancu scusa rissiru a la vita e a lu munnu, p’aviri misu ncruci nautru Cristu ma chistu senza Diu e senza scantu.


Senza Dio e senza paura

Nascesti nel caldo di una terra puttana,

che riempì i tuoi occhi di storia antica ed il cuore di giustizia.

Promettesti coraggiosamente amore alla tua gente impaurita.

Come una campana

Con i tuoi tocchi gloriosi arrivasti loro forte pur essendo un uomo minuto e prendesti a colpi di scopa la spazzatura (mafia).

Onesto come il caldo pane appena sfornato e fatto con fatica.

A tradimento ti presero quei maledetti e lo fecero solo perché dicevi cose giuste che colpivano nel segno e le parole arrivavano al destinatario dirette.

Figlio di una donna, vera madre ardimentosa e con un fratello che oggi oltre al suo cuore in petto porta pure il tuo.

Ti uccisero e lasciarono il tuo corpo solo e non c’era nessuno tra il ferro dei binari e le pietre e chi ti uccise nemmeno si scusò con la vita ed il mondo. Non si scusò per avere messo in croce un altro Cristo ma questo però a differenza del primo senza l’aiuto di Dio e senza paura.

https://sergiopennavaria.com/

Lascia un messaggio

La registrazione non è richiesta.