L’ultima “Mandrakata”

La rubrica “Letti e Riletti” nasce per riscoprire o recuperare testi, discorsi o citazioni di personaggi che hanno fatto la storia, in qualsiasi campo. Per questo numero, ricordando la recente scomparsa del Maestro Gigi Proietti, abbiamo deciso che la sua viva voce in alcuni dei pezzi più celebri del suo repertorio fosse il miglior modo di ricordarlo. Abbiamo allora raccolto una carrellata tutta da ridere, ma non solo.

In questo primo spezzone Proietti interpreta “Mandrake” – attore fallito e scommettitore ippico – in “Febbre da cavallo”, film cult degli anni 70/80, mentre racconta al giudice (anche lui giocatore incallito) chi sia lo scommettitore di cavalli. Un’ammissione di colpevolezza del personaggio, che si cala alla perfezione nel contesto ippico dell’epoca.

https://www.youtube.com/watch?v=oSsNjpMssZY&ab_channel=RobertoDiMolfetta

Immancabile, una delle qualità più celebri nel suo repertorio era quella di raccontare le barzellette. Si sa, il segreto della barzelletta è saperla raccontare, e con gli impareggiabili tempi comici di Gigi Proietti, la risata finale è assicurata. Qui in una trasmissione con Raffaella Carrà.

Tempi comici ed interpretazione. Quale migliore espressione di questa caratteristica di questo spezzone, dove Proietti riesce a far ridere e tenere in mano un teatro soltanto con l’uso di cinque parole.

Qui Proietti è letteralmente in versione Maestro proponendo ai suoi spettatori, munito di lavagna al seguito, una lezione di dialetto romanesco: colorito, per alcuni volgare, ma che raccontato in questa maniera assume quei tratti culturali per cui Proietti può essere accostato a Petrolini e Sordi nella storia degli artisti di Roma.

E a proposito di Petrolini, a cui Proietti è stato accostato più volte come erede nella tradizione del teatro romano, ecco un’interpretazione di “Gastone”, storico personaggio ideato proprio da Ettore Petrolini.

Voce profonda e dizione perfetta, Proietti è stato anche un grande doppiatore. In questo video tributo uscito pochi giorni dopo la sua dipartita, si ripercorrono tutti i personaggi a cui il Maestro ha dato la voce. E voi, lo avreste riconosciuto in tutti questi ruoli?

E chiudiamo con l’ultima apparizione televisiva di Gigi, ad aprile, in piena quarantena. Nel programma “Propaganda Live”, emerge la sua grande attenzione allo stato della società civile, alle responsabilità che ciascuno di noi potesse avere sull’esplosione della pandemia, e sulle condizioni in cui versava, e versa, la città di Roma.

Nato il 2 novembre 1940, ha deciso di lasciarci il 2 novembre 2020. Un’altra “Mandrakata”. L’ultima, di una carriera senza eguali. A nome di tutta la redazione, grazie Maestro.

Lascia un messaggio

La registrazione non è richiesta.