Bruno Bozzetto: un Visionario dal Cuore Bambino.

Mi vuoi parlare della collaborazione con Maurizio Nichetti?

Stavamo cercando un attore per un film pubblicitario e Maurizio si presentò a casting chiuso. Parlando con lui, mi piacque da subito perché era molto creativo oltre che simpatico, e gli proposi di lavorare con noi come sceneggiatore.

E’ stata una figura importante nella mia vita, non solo per il lavoro che ha prodotto all’interno dello Studio ma anche perché, amando molto il cinema dal vero, ha fatto rinascere in me la voglia di fare due cortometraggi live-action, ‘La Cabina’ e ‘Oppio per Oppio’. E’ stato aiuto-regista in ‘Allegro non troppo’ ed è proprio grazie a lui che ha partecipato Angela Finocchiaro, che nel film è travestita da vecchietta. Lui e Guido Manuli hanno tenuto le redini dello Studio quando ero in giro per il mondo. Siamo rimasti molto amici e ci siamo sempre frequentati.

Il suo film Ratataplan nasce dall’idea principale di un corto che avevamo presentato insieme all’Istituto Luce. L’idea era piaciuta molto ed era stata anche accettata la proposta, ma un mese dopo si sciolse il loro Consiglio d’Amministrazione   e tutto decadde. Nichetti riprese in mano quell’idea, la sviluppò e così nacque il suo primo lungometraggio.

Maurizio ha respirato lo spirito che aleggiava nel nostro Studio e, occupandosi delle sceneggiature per il Signor Rossi, ecc…, è stato sicuramente influenzato dai cartoni animati. La gestualità era comunque anche la sua perché, provenendo dal teatro, aveva anche fatto la scuola di mimo. Era nel suo mondo.

Che esperienza è stata quella con Gulp e SuperGulp?

L’idea alla base di queste trasmissioni era quella di portare in televisione i personaggi nati per il  fumetto. Erano personaggi statici a cui veniva data una vita cinematografica. Quando mi hanno contattato, sono rimasto un po’ in imbarazzo per questa richiesta perché avevo fatto un’immensa fatica per portare i miei personaggi al livello dell’animazione. Erano molti i cortometraggi del Signor Rossi che stavano circolando in tutto il mondo e in quel caso mi stavano chiedendo di fare il processo all’inverso.

Tutto era quindi imperniato sullo spirito del fumetto.

Esatto. Il Signor Rossi tornò ad essere statico e i movimenti venivano dati dalle diverse inquadrature. In quel caso abbiamo dovuto retrocedere di un passo, rispetto al nostro stato. Per loro, invece, era un passo in avanti, rispetto al fumetto.

Oggi lo Studio Bozzetto & Co realizza importanti serie animate, tra cui ‘Topo Tip’, tu scrivi ancora molte sceneggiature, dirigi i corti e disegni ogni giorno. Sei veramente inarrestabile!

Sono in pensione, ma sono sempre attivo. Ho recentemente diretto un corto per il Salone del Mobile che purtroppo è stato rimandato e sto collaborando con mio figlio Fabio e Diego Zucchi ad un altro corto ispirato al ‘Chiar di luna’ di Beethoven. Loro sono, tra l’altro, gli autori del bellissimo video-cartoon ‘Milano si dirama. Casa dopo casa realizzato per il ‘Natale degli Alberi, idea creativa sviluppata da Marco Balich e donata alla città di Milano da Fondazione Bracco.

Inoltre, seguo sempre le mostre che mi vengono dedicate e poi mi occupo delle pubblicazioni dei libri. Dopo ‘MiniVip & SuperVip’, disegnato da Grégory Panaccione, ho curato la sceneggiatura di ‘Toajene’, una storia dell’amore impossibile provato da un microorganismo per un’attrice del cinema.

Da quando c’è stato il primo lockdown, ho pensato fosse giusto regalare un sorriso e ho disegnato e postato tutti i giorni su Facebook delle vignette divertenti con protagonista una cagnolina di nome ‘Doggy’.

Grazie di cuore Bruno per queste strisce quotidiane che hanno raggiunto livelli poetici di delicatezza ed amore! Grazie soprattutto perché, oltre al sorriso, ci hai regalato anche l’occasione di riflettere sul rapporto che l’uomo ha instaurato con gli animali e con  l’ambiente.

Penso che con l’aiuto dell’umorismo si possa riuscire a far riflettere le persone su argomenti  importanti che solitamente vengono evitati perché risultano scomodi ai più.

Di questa bellissima avventura ho avuto il privilegio di parlarne  anche con Doggy durante la vostra doppia intervista ‘Doggy e Bruno: quando l’Amore diventa cartoon‘, pubblicata contestualmente a questa, sempre all’interno della mia rubrica. 😊

Lascia un messaggio

La registrazione non è richiesta.