2011-2021: 10 anni di WOW!

Sosteniamo il Museo del Fumetto!


Da una macchia d’inchiostro nero utilizzato per la scrittura, il disegno e la pittura, il Fumettista Esplosivo – Fabrizio De Fabritiis ha omaggiato lo WOW con un nuovo supereroe: Capitan WOW, pronto a combattere le avversità con il suo scudo a difesa della Cultura della Nona Arte.

Purtroppo, con l’impossibilità di aprire gli spazi al pubblico, lo WOW ha attraversato un periodo difficilissimo ed ha rischiato la chiusura, essendo venuti a mancare gli introiti economici.
Ad oggi, è arrivata solo una parte dei sostegni statali promessi, aiuto che consente la sopravvivenza, evitandone lo sfratto.

Il Museo riaprirà sabato 1º maggio.
Il museo tornerà a essere visitabile da martedì a venerdì dalle 15:00 alle 19:00, sabato e domenica dalle 14:00 alle 19:00.
Per garantire a tutti una visita piacevole e sicura, sarà adottata una serie di accorgimenti tra cui la prenotazione obbligatoria nei weekend, gratuita, sul sito di Abbonamento Musei Lombardia.

‘Festeggiamo il lavoro con il ritorno al lavoro…mi ha comunicato qualche giorno fa il Direttore Luigi F. Bona, che ha così proseguito:
‘La riapertura non vuol dire soluzione economica.
Senza didattica con le scuole, senza turismo, con ovvie precauzioni e limitazioni, riaprire costa più che tenere chiuso.
Ma tutti ci chiedono ancora uno sforzo, contribuire a un segnale di ripresa, e se questa follia non la compie chi ha fiducia nei propri progetti e nel proprio universo di cultura e di passione, allora chi? ‘.


Carlo Annovazzi la Repubblica Milano

Da mesi, giornali, TV, radio e social si sono schierati dalla parte dello WOW.
Lo ha fatto anche Carlo Annovazzi, redattore de la Repubblica Milano, rispondendo ad una lettera di un lettore, descrivendo il Museo del Fumetto come una bella realtà.
In un post fb, il Direttore Luigi F. Bona commentava: ‘È sempre una gioia quando il nostro museo viene descritto come bella realtà che ospita mostre e iniziative di qualità.
Purtroppo la nostra bella realtà – come molti istituti museali e culturali – fatica ad andare avanti per le spese fisse che uno spazio come il nostro ha inevitabilmente.
All’affitto mensile da corrispondere al Comune di Milano, proprietario dello spazio, si aggiungono utenze (elettricità, riscaldamento), spese di mantenimento, assicurazioni, ammortamenti, affitti di magazzini e tanto altro, che pesano in varia misura anche in periodi di chiusura forzata, come quello attuale.
In attesa dell’erogazione di rimborsi istituiti dal Ministero della Cultura diversi mesi fa, il bando indetto in questi giorni per la promozione del fumetto non è per noi una garanzia di sopravvivenza, anche se approviamo un segnale di interesse per la Nona Arte che nel nostro Paese costituisce una novità.
Alle istituzioni (di ogni livello) chiediamo un intervento strutturale, per continuare a resistere e poter crescere nei modi e con gli scopi che ci hanno caratterizzato per dieci anni, in uno speciale rapporto con i cittadini milanesi di ogni età, con la comunità italiana e mondiale, con artisti e studiosi.
Come recita un articolo del nostro Statuto: “La Fondazione forma, promuove e diffonde espressioni della cultura e dell’arte. In particolare, la Fondazione intende porsi quale istituzione culturale permanente per la conoscenza, la conservazione, la valorizzazione del patrimonio artistico, materiale e immateriale, che ha contribuito alla formazione dell’immaginario collettivo e alla sua evoluzione e trasformazione nel corso del tempo e nei diversi Paesi, attraverso le più diverse forme di comunicazione e di espressione, operando in senso multimediale, valorizzando l’arte sequenziale, l’uso dell’immagine disegnata e animata, la letteratura popolare nelle sue forme scritte e illustrate, i mezzi di riproduzione e diffusione come la stampa, il cinema, la radio, la televisione e l’informatica”.

Durante la diretta del 1 Aprile è stato mandato in onda un video realizzato per l’occasione da La Tenda Rossa, con gli appelli di sostegno al Museo arrivati da importanti protagonisti del mondo del Fumetto e dello Spettacolo.

LE VOCI DI Bruno BozzettoMilo ManaraMaurizio NichettiGiovanni StortiSergio StainoLeo OrtolaniSimone BianchiLaura ScarpaSilvia ZicheMario GomboliAlfredo CastelliLuca SalvagnoIvo MilazzoGuido De MariaCristina StifanicGiorgia Vecchini, SONO LA VOCE DI TUTTI NOI, SOSTENITORI DELLA CULTURA E DELLA BELLEZZA.

E’ possibile sostenere WOW Spazio Fumetto attraverso il 5xmille.
Nella prossima dichiarazione dei redditi basta scegliete l’opzione “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale” per devolvere il 5xmille a favore della Fondazione Franco Fossati (codice fiscale 97460830157
) che gestisce il Museo del Fumetto di Milano.

Lascia un messaggio

La registrazione non è richiesta.