Intervista a Caterina Mosca @MoscaPartners

PARALLEL 21 Design & Photography @ MIA Fair

MIA Fair è la Fiera Internazionale d’Arte dedicata alla fotografia in Italia ed è nata con l’obiettivo di evidenziare il ruolo trasversale che la fotografia e l’immagine in movimento hanno assunto tra i linguaggi espressivi dell’arte e  del sistema dell’arte contemporanea.

Tra gli espositori presenti al MIA Photo Fair al SUPERSTUDIO MAXI di Milano, dal 7 al 10 Ottobre, MOSCAPARTNERS (Caterina Mosca e Valerio Castelli)ha presentato PARALLEL 21, interessante indagine sul design e sulla fotografia.
L’aver portato dialoghi tra queste differenti discipline è stato un tentativo ben riuscito di respirare quello che Ida Farè amava definire LO SPIRITO DEL  TEMPO, con le sue ricadute sull’abitare, molto più di semplici cronache sociali e politiche, di mode e stili di vita.

L’accostamento di oggetti di design ad opere di fotografi, sembra, ad una prima lettura, un’operazione apparentemente senza legami.
In realtà ci muoviamo in spazi ed ambiti culturali in stretta connessione.

Tutto ciò si muove oltre gli insegnamenti che fanno riferimento ad una sola disciplina.
Disciplina che, a volte, ha sviluppato una sua mondanità, un suo stato burocratico, un suo corpus di idee, un suo apprendimento, un suo modo  di perpetuamento, da parte degli insegnanti, delle istituzioni.

Un’inerzia sviluppata nel tempo che, da un lato conserva il sapere, ma dall’altro rappresenta una chiusura verso quello che sta avvenendo nel mondo. Si tratta solo di un sapere che cresce su se stesso, o che non cresce ma si sviluppa secondo sue linee culturali.

La cultura è anche il rompere con se stessa, continuamente, tanto è vero che Adorno, uno dei grandi tecnici della Scuola di Francoforte, diceva che l’arte è contaminazione, la cultura è contaminazione.

In questa ottica, ne sono degni rappresentanti Franco Albini, Alighiero Boetti, Erik Satie, Maurits Cornelis Escher.

La loro è una cultura senza tempo, una cultura che non tiene conto delle mode, dell’evoluzione, dell’avvicendamento dei periodi, dei ritmi, è una cultura che si basa sul paradosso, sul non senso, sulla finezza intellettuale, sullo scacco matto, sulla messa in gioco degli strumenti intellettuali al massimo livello.

Caratteristiche che ritrovo in Alessandro Guerriero, Franco Raggi, Giacomo Scarpini, Corrado Levi, Alessandro Mendini, Ettore Sottsass, per citare alcuni dei miei Maestri.

Per inciso, Guerriero, Raggi e Mendini sono stati tra i protagonisti di PARALLEL 2021, a conferma della loro ‘contaminazione’ con mondi altri.

Quando Michele De Lucchi definisce il fotografare un “atto di progetto”, “una fase fondamentale del processo di creazione sia nell’architettura che nel design”, riconosce l’intimo legame, l’affinità elettiva  che esiste fra design e fotografia. Ed è proprio questo il punto di partenza dell’indagine che PARALLEL 2021 ha sapientemente messo in atto sui dialoghi che si innescano tra DESIGN e FOTOGRAFIA, segnando l’inizio di un percorso, ponte verso un futuro aperto a sempre nuove declinazioni e contaminazioni.

Molti i designer, le aziende e i fotografi in mostra:

  • Antonio Aricò (design) con Giacomo Giannini (fotografia)
  • Emmanuel Babled (Glass Design + Photo Project) con Valentina Zanobelli (Photography)
  • Michele De Lucchi (design) con Tom Vack (fotografia)
  • FIBRA research | Adriana Fortunato e Caterina Fumagalli (design) con Ernesta Caviola e Ingrid Taro (fotografia)
  • Paolo Giordano (design + fotografia)
  • Alessandro Guerriero (design) con occhiomagico (fotografia)
  • Hütte (di Raffaella Colutto) (design) con Sara Rossi (fotografia)
  • MEDULUM (art director accardibuccheri) (design) con Luca Casonato (fotografia)
  • Alessandro Mendini (design) con Carlo Lavatori (fotografia)
  • Franco Raggi (design) con Miro Zagnoli (fotografia)
  • Mario Trimarchi (design) con Santi Caleca (fotografia)
ph. Valerio Castelli
ph. Valerio Castelli
Valerio Castelli (MOSCAPARTNERS)
opere di Alessandro Mendini (Monumentino da casa) e Carlo Lavatori (Grande monumento in 36 porziuncole)
ph. Donatella Lavizzari
Paolo Giordano
ph. Donatella Lavizzari
Paolo Giordano
ph. Donatella Lavizzari

Michele De Lucchi (Legno cucito) + Tom Vack
ph. Valerio Castelli
Emmanuel Babled + Valentia Zanobelli
ph.Valerio Castelli
Fibra Research + Ingrid Taro + Ernesta Caviola
ph. Valerio Castelli
Mario Trimarchi + Santi Caleca
ph. Valerio Castelli
Franco Raggi + Miro Zagnoli
ph. Valerio Castelli
Occhiomagico + Alessandro Guerriero
ph. Valerio Castelli
Accardi Buccheri Medulum + Luca Casonato
ph. Valerio Castelli

2 pensieri riguardo “Intervista a Caterina Mosca @MoscaPartners

  1. Grazie per aver apprezzato Parallel 21 . Veramente un bell’articolo per la completezza delle informazioni e profondità d’analisi.

Lascia un messaggio

La registrazione non è richiesta.