Incontro con Antonio Longo

Antonio Longo è una persona decisa e dalla visione limpida e netta, lo si percepisce al primo sguardo, dai suoi occhi che guardano intensamente l’interlocutore con il suo sorriso gentile. Lo incontro – virtualmente – alla scrivania del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) del quale è divenuto Presidente da alcune settimane con un voto unanime dei rappresentanti. Laureato in Scienze Politiche, Specializzato in Sociologia della Comunicazione, giornalista professionista dal 1991, Antonio Longo ha dedicato la prima parte della sua carriera all’attività giornalistica e a prestare consulenza ad istituzioni pubbliche ed aziende private sulle problematiche della comunicazione.
Con il tempo, si è avvicinato al mondo del consumerismo e ai relativi diritti dei cittadini ed utenti, fino ad aderire al Movimento Difesa del Cittadino, diventando uno dei massimi esperti nazionali, e fondando nel 2003 Help Consumatori, la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela. Tutt’ora ne è il direttore.
E’ stato Presidente nazionale del Movimento dal 1998 al 2016, successivamente Presidente Onorario, dal 2016 al 2021.
Per dieci anni, con due mandati consecutivi, è stato componente del Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE). A Bruxelles ha rappresentato i consumatori italiani su indicazione unanime delle associazioni nazionali e in questi anni ha redatto pareri e presieduto gruppi di lavoro su varie tematiche, tra cui i diritti dei consumatori, le nuove tecnologie, Tlc, energia, protezione dei minori su internet e pagamenti elettronici. Dal 2015 al 2018 ha presieduto il Gruppo permanente Agenda digitale.

(Immagine dal Web)

Dal gennaio del 2020 ha riabbracciato MDC con una nuova energica presenza, dimostrando il suo immutato attaccamento verso l’associazione, accettando il delicato incarico di Coordinatore Generale Nazionale. Nel dicembre del 2021 viene eletto nuovamente Presidente nazionale del Movimento Difesa del Cittadino, con il desiderio di rafforzare l’Associazione, intensificando la presenza sul territorio, promuovendo progetti, studi e campagne di sensibilizzazione rivolte alla tutela dei consumatori.

Un lungo Curriculum il suo, dedicato alla Comunicazione e alle organizzazioni dei consumatori. Direi quasi un precursore del mondo del consumerismo. Com’è iniziata questa avventura? Perché dalla comunicazione è passato a questo tema?

Una avventura davvero, iniziata con due telefonate: a metà del 1998 mi chiamano Altero Frigerio, direttore del Salvagente, il settimanale dei consumatori, ed Ermete Realacci, presidente di Legambiente. Altero era un mio amico dai tempi dell’università, Ermete lo conoscevo dagli anni del mio lavoro come conduttore e caporedattore di Italia Radio, l’emittente All news del PCI-PDS.

Mi parlano di una associazione che ha bisogno di una guida, un presidente, perché chi la dirigeva aveva preso altre strade. Mi informo meglio e scopro che il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) aveva illustri natali, da Giorgio Ruffolo a Enzo Mattina, da Pierre Carniti a Carlo Caracciolo. Inoltre in quel periodo andavo alla ricerca di un lavoro  extra giornalistico, perché avevo lasciato la radio con altri redattori nel 1994, quando era stata venduta al Gruppo Espresso e facevo consulenze per Centri di ricerca economici e sociali.  Quindi ho accettato e a ottobre del 1998 sono stato cooptato ed eletto presidente nella sede di Piazza Cola di Rienzo.  In fondo potevo continuare a scrivere, a comunicare con i cittadini, impegnandomi sul versante consumeristico proprio quando era stata appena approvata dal Parlamento la legge 281 che riconosceva le associazioni consumatori, costituiva il Consiglio nazionale consumatori e utenti (CNCU) presso il Mise e quindi faceva diventare le stesse associazioni protagoniste riconosciute non solo dai cittadini, ma anche dalle Istituzioni. Era una bella sfida!


Torna ad essere il Presidente del Movimento Difesa del Cittadino dopo 5 anni, dopo esserlo stato dal 1998 al 2016 e dopo esser stato Presidente Onorario. Questo numero di Condivisione Democratica è dedicato al concetto dell’eredità, intenso anche come senso della responsabilità e dell’impegno che deriva dal gestire pro-tempore non “proprio” ma “comune”, “collettivo”. Come responsabile di una associazione, come una comunità di persone, come vive questa eredità?

Dopo aver trascorso 18 anni come presidente MDC, nel 2016 avevo deciso di lasciare la presidenza per favorire un ricambio che portasse energie e idee nuove. Ero impegnato dal 2010 anche in Europa, essendo stato designato dal Governo italiano, dopo il voto del CNCU, a rappresentare i consumatori italiani nel Comitato Economico e Sociale Europeo, l’Istituzione comunitaria in cui è rappresentata la società civile organizzata e cioè imprese, sindacati e associazionismo. E nel 2015 ero stato confermato all’unanimità dal CNCU per un secondo mandato europeo. Volevo quindi dedicarmi di più e meglio alle tematiche comunitarie che hanno nei problemi della tutela dei consumatori uno degli ambiti più complessi ma anche più affascinanti del dibattito e dell’azione europea.

Nel 2020 sono stato invitato a tornare nel Movimento, che era in difficoltà economiche e organizzative, e ho accettato con grande entusiasmo. Non potevo abbandonare l’associazione che avevo contribuito a decollare e far crescere, facendola diventare una delle più importanti e autorevoli nel mondo consumeristico. Da questo punto di vista quindi si è trattato davvero di una presa di consapevolezza che l’eredità non poteva essere mandata al macero, mi richiedeva un nuovo impegno per superare le difficoltà e rilanciare il nome e il prestigio del Movimento. Ho accettato, a titolo gratuito e senza alcuna formalizzazione, di presiedere un Comitato di risanamento e insieme con il Comitato di Presidenza ho ripreso in mano la situazione economica e finanziaria, riorganizzando lo staff della sede nazionale, riannodando fili che erano interrotti con altre associazioni consumatori, aziende e istituzioni. I dirigenti mi hanno chiesto nel 2021 di tornare a rivestire il ruolo di presidente. Ho riflettuto molto  prima di accettare, anche perché ho superato i 70 anni… e alla fine ho accettato, in coerenza con la mia convinzione che bisogna partecipare alla gestione dei beni comuni, alle battaglie per la tutela dei cittadini-consumatori.

E’ ancora una volta una sfida che con l’aiuto di tutti gli amici di MDC sono sicuro che vinceremo. Il miglior viatico è stato l’elezione all’unanimità lo scorso dicembre. Spero di onorare al meglio questo impegno. 

Il Movimento Difesa del Cittadino ha una diffusione territoriale su tutta Italia e ha stretti legami anche con altre realtà dell’associazionismo, mi viene in mente, per citarne una, quella con Legambiente. Quanto è necessario essere “vicini” ai cittadini in un mondo così digitale oggi? E’ importante fare un fronte comune?

Venti anni fa una associazione consumatori aveva sostanzialmente un compito preciso e definito: tutelare i cittadini contro gli abusi delle società che fornivano servizi di elettricità, tlc, gas o servizi finanziari come banche e assicurazioni. C’era poi tutta la partita della Pubblica amministrazione con le sue vessazioni. Oggi lo scenario è cambiato profondamente. Con l’avvento delle nuove tecnologie digitali sono esplosi i problemi del digital divide, le fake news, le truffe on line,  l’identità digitale e il conseguente furto di identità, il commercio on line…insomma tutto uno scenario complesso di fronte al quale le competenze tradizionali dei nostri avvocati ed esperti non sono sufficienti a dare risposte adeguate e offrire tutele.

Lo stesso è avvenuto per l’ambiente e la sensibilità di fronte ai problemi del riscaldamento climatico, alla tutela del territorio, dell’aria, dell’acqua. La convergenza di consumatori e ambientalisti è nell’ordine delle cose. Noi come MDC abbiamo da sempre un rapporto strutturato con la maggiore associazione ambientalista italiana, Legambiente, con la quale abbiamo anche una offerta di tesseramento comune, realizziamo progetti, facciamo insieme esposti alle Autorità di regolamentazione.

Da soli faremmo ormai ben poco, insieme con le altre associazioni consumatori, ambientaliste e del volontariato siamo tutti più forti e più adeguati alle crescenti esigenze dei cittadini

Il Movimento che presiede è teso non solo alla protezione dei consumatori, ma è anche impegnato nella promozione di progetti, di studi e campagne sensibilizzazione rivolte alla loro tutela attraverso forme di cittadinanza attiva, la promozione della libertà di informazione dei propri diritti per una gestione consapevole. Quindi non solo consumatori, ma Cittadini a tutto tondo?

Come dicevo sopra le tematiche e le esigenze a cui dobbiamo fare fronte sono diventate più complesse, toccano ambiti che prima ci erano sconosciuti come il digitale e l’ambiente, sono cambiati gli scenari, perché il web e il digitale hanno ampliato enormemente le opportunità per i cittadini, ma anche le possibili difficoltà nei servizi e negli acquisti dei prodotti. La società postmoderna e digitale ha cambiato l’approccio quotidiano alle tematiche del consumo. Emergono continuamente situazioni nuove, pensiamo agli ultimi 20 mesi e alla pandemia con tutti i cambiamenti nella nostra vita quotidiana, dalla DAD per i ragazzi allo smartworking per i genitori, dalle cautele nella vita collettiva col green pass alle pesanti ricadute sulla gestione ordinaria della sanità. A proposito della pandemia, mi piace ricordare che un vantaggio di questa drammatica situazione (forse l’unico, insieme ad uno sviluppo forte della solidarietà in forme anche nuove) è l’aver “costretto” tutte le famiglie e le imprese ad aumentare le competenze digitali, per le prenotazioni dei vaccini, lo scarico dei greenpass, gli acquisti della pizza on line e la conseguente esplosione del commercio elettronico.

La cittadinanza sta diventando un esercizio sempre più complesso, a cui rispondiamo realizzando progetti e iniziative. E’ significativo che gli ultimi progetti finanziati dal Ministero dello sviluppo economico li abbiamo titolati  “E-consumers” e “MDC full digital”. Significativo anche che negli ultimi tempi ci siamo molto impegnati sul tema del sovraindebitamento, a causa della situazione di povertà, perdita del poso di lavoro e precarizzazione crescente causate dalla pandemia. Ecco, il nostro ruolo si sta ridefinendo, si sta ampliando, siamo chiamati a sfide sempre più complicate e dobbiamo attrezzarci adeguatamente.

   

Il Movimento Difesa del Cittadino, forse più di altre realtà del mondo dell’associazionismo, è coinvolto nelle sfide che la digitalizzazione ci pongono ormai da anni e sempre in modo più forte, più profondo, più pervasivo nelle nostra vita quotidiana. Cosa ci dobbiamo aspettare nel futuro di questa sfida?

Per noi le sfide saranno soprattutto nel rendere sempre più MDC una associazione totalmente full digital, come abbiamo titolato il progetto sopra citato. Vogliamo offrire tutto attraverso i canali digitali, dal tesseramento all’assistenza, dall’informazione alla consulenza vera e propria sui vari tempi. Vogliamo approfondire sempre più i temi della tutela dei minori, che vanno guidati nell’uso di internet. Nello stesso tempo ci stiamo già impegnando nell’accrescimento delle competenze digitali delle persone anziane, meno acculturate., aiutandole a superare il digital divide che rischia di isolarle e impedire sia l’esercizio dei loto diritti che l’accesso ai servizi. Pensiamo all’identità digitale, ormai indispensabile per accedere all’agenzia delle entrate, per iscrivere i figli alla scuola o per cambiare il conto corrente di accredito della pensione. Domani potrà arrivare il voto elettronico per il sindaco o il parlamento. Già oggi è possibile firmare per via digitale l’adesione ai referendum abrogativi o alle proposte di legge popolare. Conoscere internet o saper utilizzare la posta elettronica o l’identità digitale è il nuovo alfabeto. 

A volte si sentono toni fantascientifici, quando non proprio distopici, di lotte contro aziende multinazionali più forti degli stessi governi che sembra aver fatto saltare gli equilibri democratici che esistevano negli anni passati. E’ davvero così?

Indubbiamente oggi Facebook o Twitter condizionano l’informazione politica, fanno cadere governi, provocano inchieste giudiziarie. Pensiamo a cosa è successo con Wikileaks, con la pubblicazione di documenti riservatissimi di governi di tutto il mondo, al caso Assange, con informazioni che hanno fatto conoscere trattaive e accordi segreti, manovre per far cadere governi o dare l’assalto a gruppi finanziari…

Molti governi hanno reagito duramente con inchieste penali e proposte di limitazione del diritto di pubblicazione. Parallelamente sono stati denunciati molti tentativi di condizionamento delle elezioni negli USA, Germania, Italia e altri Paesi attraverso fake news e altri interventi sui canali digtali.

Da parecchi anni c’è l’Internet governance forum, una iniziativa dell’ONU alla quale anche io ho partecipato nel 2016 nella sessione tenuta a Istanbul in rappresentanza dei consumatori europei, in cui si cerca di dare delle regole condivise sulla tutela dei minori, contro le truffe informatiche, per la difesa della libertà di espressione e dell’esercizio dei diritti civili e politici. I risultati non sono esaltanti ma è importante che il dibattito continui.

Mi piace concludere tornando al digitale. E’ una rivoluzionaria tecnologia che ha ridotto tempi e spazi, permettendo di fare un acquisto a migliaia di km e da qualsiasi punto della terra, di vedere un familiare che si trova in un altro Paese, di gestire il nostro conto bancario senza muoverci da casa e senza limiti di orario. Ma ha anche prodotto truffe, mobbing, pericoli, minacce. Anche il nucleare piò essere utilizzato per produrre energia o per la bomba atomica o per indagini e terapie mediche prima impossibili e che ora offrono grandi opportunità di salvezza.   La tecnologia è neutra, dipende dall’uso che se ne fa. Non si deve demonizzare né esaltare, ma deve essere usata con intelligenza e sotto il controllo delle istituzioni democratiche.

Lascia un messaggio

La registrazione non è richiesta.