IMAGINE PEACE: L’ARTE COME RISPOSTA ALLA GUERRA

Virginia Cabras alias Alagon @alagooon

Quando da piccoli studiavamo le guerre, a scuola c’era sempre qualcuno che si chiedeva e chiedeva: “Ma come facevano a non accorgersi?”
Ora capisco perché.
Il bombardamento della propaganda, la pioggia acida di fakes, il sapore agrodolce della retorica, la nebbia delle ideologie vecchie e nascenti, il doppio gioco degli interessi economici e la guerra, vera, cruda, devastante obnubilano ogni comprensione.
Leviamoci ogni ipocrisia, questa guerra ci colpisce di più rispetto alle altre soltanto perché chi sta sotto le bombe somiglia a noi occidentali, europei.
Ci somiglia troppo.
Il mondo che conoscevamo è già in frantumi e soltanto la mia insensata e ingenua fiducia nella specie umana mi lascia sperare che un giorno possa germogliare qualcosa tra le macerie di quel che eravamo.

(Riflessioni sparse sul cartoon per #Monitor).

Lascia un messaggio

La registrazione non è richiesta.