Arriva un momento
19 settembre, 2016   |  

Sono passati quindici mesi dal mio ultimo scritto. Un’astinenza voluta, probabilmente forzata.
Le suggestioni che accompagnarono l’avvio e il cammino del giornale si sono smarrite nel tempo, offuscate da un clima politico e culturale che ha sbiadito lentamente qualsiasi desiderio di presenza. Solo piccoli accenni sui social, qualche cenetta tra amici, qualche elucubrazione improvvisa davanti a schermi televisivi o telefonici ha caratterizzato il mio essere cittadino “impegnato”.
Arriva però un momento in cui, nonostante le infinite consapevolezze nel sentirsi inadeguato, inadatto o semplicemente inutile, si affaccia lo spettro di un fantasma buono, quello che ha insegnato il cammino ai tuoi primi passi.
Ti accorgi che non puoi fare a meno di riabbracciarlo, di chiedergli scusa per il troppo tempo passato distante da lui, per le carezze mancate.
Si torna a scrivere, ad elaborare, a proporre. Malgrado tutto. C’è un pensiero, un’idea, un’identità da difendere.
Ci sono amici da ritrovare, intelligenze e sensibilità da scoprire, uomini e donne dietro un angolo in attesa di un’opportunità da esprimere.
Ci sono intelligenze e sensibilità che mettono a disposizione il proprio sapere, il proprio bagaglio culturale, umano e morale al servizio di chi vorrà leggere, di chi non vorrà arrendersi all’apatia del nostro tempo.
Dopo piccole ma importanti incursioni giornalistiche che i nostri preziosi collaboratori non hanno smesso di offrire nel tempo, Condivisione Democratica torna definitivamente on-line con il desiderio di diventare un nuovo punto di riferimento per chi intende alimentare la riflessione e il dibattito, elementi cardine di una sana società.
Nessun colore politico.
Nessuna collocazione ideologica.
Spazio ad ogni contributo teso al “bene”, all’allungamento della conoscenza, all’allargamento dei nostri sguardi.
Splendidamente importante è il primo contributo che si affaccia al nostro nuovo corso.
Maria Soledad Balsas, ricercatrice in Sociologia all’Università di Buenos Aires, ci fornisce suggestivi stimoli di approfondimento, riflessione e scoperta sull’universo dell’immigrazione. Un’intervista intensa e profonda curata dal nostro vice direttore Giorgio Gabrielli che apre le nostre menti a nuovi scenari emotivi.
Nei prossimi giorni ospiteremo docenti di diritto costituzionale che offriranno alla nostra testata elementi di analisi puntuali e rigorosi rispetto al tanto discusso referendum, che tanto agita l’agenda politica italiana.
La nostra redazione si è arricchita di nuove risorse di altissimo valore umano e culturale.
Ai nostri consolidati Giorgio Gabrielli e Cettina Quattrocchi, si sono aggiunti Valentina Cafaro, Silvia D’Ambrosi, Elena Paoli e Marcella Simonetta, che con garbo, scrupolosità e spirito costruttivo produrranno documenti, articoli, interviste, aggiornamenti; le braccia forti di questo progetto.
Saluto con affetto sincero tutti i collaboratori che hanno deciso di non continuare l’avventura. Il loro contributo è stato importantissimo e continuerà ad essere vitale lo spirito che hanno trasmesso in questi anni.
A tutti va il mio più sentito ringraziamento per aver alimentato, giorno dopo giorno, la mia rimessa in discussione e quella del giornale, la condivisione di un progetto, un traguardo da raggiungere. Ma soprattutto, la bellezza di una strada percorsa o da percorrere insieme.




 
Condivisione Democratica  |  Copyright © 2016  |   Tutti i diritti riservati  |  Disclaimer & Privacy
Testata giornalistica on line di riflessione, proposta e approfondimento politico culturale
Registrata al Tribunale di Roma il 25/09/2012 Reg. n. 273
Direttore Responsabile Gerry Mottola