Istant Vote
5 giugno, 2013   |  

Come analisi del voto e della campagna elettorale ho letto una serie di statistiche sulla produzione di tweetter da parte dei candidati sindaci al comune di Roma.
La capacità di comunicazione dei candidati viene misurato con un indice, il “Cinguex”, che prende a riferimento, tra gli altri, il numero di follower e la relativa crescita nel tempo, il numero dei tweet e la loro “viralità”.
Così Marino ha fatto una battuta che è risultata “virale” (voto 78,35), Alemanno una considerazione retweettata tanto, il saluto di Medici a DonGallo molto apprezzato mentre Marchini ha tanti follower ma da messaggi poco retweettati e DeVito ha un voto Cinguex proprio bassino (voto 2,34).

Capisco lo studio di questo metodo di comunicazione per la politica.
Ma mi sembra assurdo valutare la capacità di comunicazione da una base che non è significativa – e penso non sia un fatto anagrafico o di cultura informatica. La comunicazione in generale e ancora più per la politica, non è il far sentire il proprio cinguettio, ma il fatto che questo resti nelle orecchie e nelle menti di chi lo ha sentito. Un messaggio che colpisce e non uno che con la stessa facilità con la quale è arrivato va via.
Ma forse dico questo perchè penso che la politica dovrebbe aspirare ad essere qualcosa di più di un jingle pubblicitario.




 
Condivisione Democratica  |  Copyright © 2016  |   Tutti i diritti riservati  |  Disclaimer & Privacy
Testata giornalistica on line di riflessione, proposta e approfondimento politico culturale
Registrata al Tribunale di Roma il 25/09/2012 Reg. n. 273
Direttore Responsabile Gerry Mottola